nel caso voleste sposare Valeria Bilello

…avreste tutta la nostra comprensione perchè questa ragazza è un tesoro. Ma davvero, mica per dire.
La seguiamo dai tempi di MTV On the Beach e qualcuno ha anche perso una mano a forza di studiarla.
Ieri è apparsa una sua intervista su Tiscali e le notizie sono queste:
Avrà una piccola parte nel nuovo film di Pupi Avati, Il Papà di Giovanna. Un film nuovo e fresco su un argomento inedito e imprevedibile che sorprenderà tutti; un argomento mai trattato prima dal cinema italiano: il fascismo.
La seconda notizia è che è una fan di Lost e nel caso volessi davvero sposarla, devi sapere che di solito le fan di Lost sono un po’ strane. A volte fanno dei giri di parole misteriosi dentro i supermercati e cominciano dei flashback per parlare di un detersivo che usavano in un’altra vita.
Questa inclinazione la potete notare nell’ultima domanda dell’intervista. Le chiedono se il suo cuore è impegnato e risponde “spero di sì”. Se non è una battuta da dottori è un sintomo da Lost-maniac.
Se è una battuta però è proprio un tesoro.

Un’altra notizia è che dice che poserebbe nuda “se ci fosse un buon motivo”. Se vuoi ancora sposarla sappi che non è mai difficile trovare dei buoni motivi.

La cosa più bella dell’intervista è il titolo. Le chiedono: “Oltre che lavoro cosa è per lei la tv?”. Lei dice -giustamente- “Un oggetto di design e di bellezza nel mio soggiorno”.
Solo perchè non ha risposto le solite banalità “mezzo di comunicazione-strumento di potere-blabla”… la giornalista titola l’intervista così: Bilello: “La tv? Un oggetto di design e niente più”.
Trashissimo.

nel caso voleste sposare Valeria Bilelloultima modifica: 2008-07-01T13:25:00+02:00da myenvy
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “nel caso voleste sposare Valeria Bilello

  1. Se nel film di Avati si spoglia lo vado a vedere di corsa!
    Lei è fantastica ^_^
    Si io sono uno di quelli che ha perso una mano 😀

    Per quanto la televisione è un oggetto di design, la inviterei a csa mia a vedere la mia di Tv, fà parte ormai dell’antiquariato anni ’70….

Lascia un commento