Beckham esporta le contestazioni dei tifosi in America

David Beckham era arrivato negli Stati Uniti per aumentare la popolarità del calcio; non sappiamo se la polarità sia effettivamente aumentata, però è già riuscito a esportare una delle principali caratteristiche del calcio: la becera contestazione dei tifosi.
Durante l’amichevole tra la sua squadra dei Los Angeles Galaxy e il Milan è stato insultato e fischiato da alcuni tifosi che esponevano striscioni come “tornatene a casa traditore”. Alla fine della partita si è sfiorata anche la rissa quando si è avvicinato ai tifosi per chiedere spiegazione.
I tifosi non hanno infatti gradito il suo passaggio al Milan nei mesi scorsi e quello che ci sarà il prossimo novembre (che forse sarà anticipato di qualche mese dopo la contestazione).

Comunque, nel complesso, l’esperienza americana di Beckham non è andata benissimo: se le cose in curva sono degenerate, non è che nelle tribune vip siano andate meglio.
Gary Barlow dei Take That, Tom Cruise, Kate Beckinsale e il marito Len Wiseman non sono entrati nell’ottica giusta per apprezzare in pieno questo sport…

Beckham esporta le contestazioni dei tifosi in Americaultima modifica: 2009-07-22T01:03:42+02:00da myenvy
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento