Natalie Portman intervistata da Jake Gyllenhaal

Il prossimo 4 dicembre arriveranno nelle sale americane insieme a Tobey Maguire in Brothers di Jim Sheridan (Nel nome del padre), nel frattempo, Jake Gyllenhaal ha intervistato Natalie Portman per il numero di settembre di Interview. L’intervista completa la si potrà leggere solo sulla rivista cartacea, però sul sito ce n’è una parte ed è molto carina.

Natalie da piccolo giocava con le Barbie, i Mini Pony e Bimbolo, ma li distruggeva. Gli disegnava in faccia e gli tagliava i capelli.
Dice che è strano che sembri una ragazza senza paura, perchè ha paura di ogni cosa.
Con una macchina del tempo andrebbe nella Berlino degli anni ’20.
La scorsa settimana è andata con Jay-Z al Laserium.
Il suo cibo preferito è la torta gelato della Carvel.
In questo periodo ascolta dirty rap, perchè la fa ridere e le fa venire voglia di ballare.
Cita il testo di una canzone, Wait, The Whisper Song degli Ying Yang Twins, che fa “aspetta di vedere il mio caz-o” -dice che è meraviglioso perchè è sussurrato- e scoppia a ridere.
Ascolta come una bambina di 5 anni che dice “Oh mio Dio! Non posso credere che abbia detto quello!”.
Non soffre il jet lag e ha paura delle pillole. Per esempio ha paura del Valium o dell’Ambien che la gente che conosce prende sugli aerei.

Brothers parla di due fratelli e una ragazza. Tobey Maguire viene mandato in Afghanistan dove viene dato per disperso e/o ritenuto morto. Nel frattempo suo fratello Jake Gyllenhaal rimane in America a prendersi cura della moglie di Tobey, Natalie Portman, e ovviamente ci scappa del tenero. Tobey Maguire riappare a sorpresa, ma torna completamente rincogli-nito dalla guerra.

Natalie Portman intervistata da Jake Gyllenhaalultima modifica: 2009-08-29T15:43:00+02:00da myenvy
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Natalie Portman intervistata da Jake Gyllenhaal

Lascia un commento