2 cose sul Festival di Venezia…

Facciamo un riassunto dei primi 2 giorni del Festival del Cinema di Venezia.
L’attenzione mediatica si è concentra solo su due tipi di prodotti: i film “mainstream” e i film “rompicaz-o”.

I film mainstream di questi primi due giorni sono stati Baaria, The Road e Rec 2.
Di Baarìa (trailer) di Giuseppe Tornatore avrete già letto tutto. Ci ha fatto ridere il fatto che Berlusconi, dopo averci messo i soldi per produrlo, abbia fatto incaz-are Giuseppe Tornatore dicendo che il film è un capolavoro. Il regista ha avuto paura che i giurati, per andare contro Berlusconi, gli avrebbero votato contro. Tornatore sei un cagasotto comunista.

The Road è il film apocalittico con Viggo Mortensen e Charlize Theron. Siccome Charlize Theron non è venuta a Venezia non c’è niente da dire.

Rec 2 (trailer), horror fuori concorso, comincia da dove era finito il primo film, cioè i soldati fanno finalmente irruzione nel palazzo infestato da uno strano essere terrificante che sembra un incrocio tra Briatore e la Gregoraci.
Più che un film, sembra uno sparatutto in 3d. In Italia uscirà a gennaio.
La protagonista Manuela Velasco ha fatto le smorfie sul red carpet e le homepage dei principali quotidiani italiani sono impazziti. Pensa se l’avesse tirata fuori.

Passiamo ai film rompicaz-o: Videocracy e Francesca.
Videocracy di Erik Gandini è un documentario anti-berlusconiano che critica la televisione commerciale con i suoi prodotti (come Colpo Grosso, i giochi a premi, Lele Mora e Fabrizo Corona) e i suoi effetti: diventare egoisti e superficiali e votare centro-destra.
Il trailer è stato rifiutato da Rai e Mediaset, ma alla fine s’è sentito parlare più di Videocracy che di Baaria.
Lo consigliamo soprattutto alle fan di Fabrizio Corona perchè c’è una scena dove è tutto nudo sotto la doccia. E poi lui appare sempre un vero boss super-figo come piace alle sue fan tamarre e a Erik Gandini.

Francesca di Bobby Paunescu invece è un film sull’immigrazione vista dalla prospettiva dei romeni.
La showgirl
Alessandra Mussolini s’è offesa e medita azioni legali per questa battuta contenuta nel film: “Non hai sentito quella puttana della Mussolini che vuole morti tutti i romeni? E quello stronzo del sindaco di Verona che ha dichiarato la città libera dai romeni?”
Se un giudice dovesse mai -eventualmente- dare ragione “a quella puttana della Mussolini”, sarebbe sempre colpa della tv commerciale di Berlusconi.
E’ così, punto, non chiedete. Vedere Patti di Holly e Benji o troppe tette senza poterle toccare fonde il cervello anche ai giudici che hanno studiato. 

2 cose sul Festival di Venezia…ultima modifica: 2009-09-04T00:59:00+02:00da myenvy
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “2 cose sul Festival di Venezia…

  1. Ahah, questo blog è una barzelletta.
    Non fa che criticare il gossip, i “vip” dicendo che sono “very inutil”, ma si occupa solo di quello, cioè di gossip.

    Molto incoerente quindi.

    Un veryinutil blog, come ce ne sono tantissimi.

    Tanto per cambiare, è sinistroide, ma quelli di Sinistra non hanno proprio un caz-zo da fà?

Lascia un commento