R.I.P. Mike Bongiorno

Mike Bongiorno è morto a Montecarlo per un infarto. Aveva 85 anni.
A breve sarebbe dovuto tornare in tv con un nuovo quiz su Sky.
Faceva il presentatore più o meno dal Medioevo.

L’ultima intervista lo scorso giugno a L’Era Glaciale

R.I.P. Mike Bongiornoultima modifica: 2009-09-08T15:16:00+02:00da myenvy
Reposta per primo quest’articolo

13 pensieri su “R.I.P. Mike Bongiorno

  1. No medusamat, non sei cinica… io mi sa che ti batto, perché credo di essere una delle poche che se ne frega quando ad andarsene sono i VIP.

    In fondo Mike è morto a Montecarlo, nel lusso, mica si è dato fuoco perché non riusciva a trovare lavoro o è morto cadendo da un’impalcatura mentre lavorava o ustionato in fabbrica…

    In ogni caso un R.I.P. non si nega a nessuno, ci mancherebbe.

  2. medusamat menomale! 😉

    Ho fatto lo stesso commento sul sito gossipblog (lo posso dire perché tanto è pubblicizzato qui a sx) e me l’hanno censurato tre volte! Saranno mica iscritti al MOIGE?

    No perché insomma, non vedo nessun reato nell’esprimere la mia indifferenza, tanto più che ho sottolineato che Mike era innegabilmente e obiettivamente un bravissimo intrattenitore e conduttore (sono cresciuta coi sui quiz), quindi neanche a dire che l’ho infamato e censurare un commento solo perché non ci si è adeguati al generale piagnisteo dei “quanto sono addolorato” mi pare una cosa da regime totalitario.

  3. Davvero non è lo stesso? Oh my God, allora vi chiedo scusa (sono seria, non è ironico) ed avete ragione: è orrendo, non brutto, il gossipblog che dico io 😐

    Pensare che una volta ci avevo pure cliccato sopra, al link qua a sinistra: ma quanto sono rincojonita!!! E mi pareva strano che facevate combriccola con quei censori ahahah!

    Scusate ancora per la bestemmia che ho fatto contro il sito vostro! ;)))

  4. grazie a lui le pelliccerie Annabella hanno fatto i soldi.

    da animalista, come uomo, m’ha sempre fatto un po’ tristezza.

    oltretutto, fino a una decina d’anni fa, era pure d’una arroganza nn indifferente in tutti i suoi programmi.

    ultimamente s’era riciclato come nonnetto simpatico e fintamente rinco.
    perciò, ,che dire, anche per me se ne va un pezzetto d’infanzia.
    ma, a differenza di Corrado, il piantino non ce lo faccio.

    ps: su Facebook stanno nascendo come funghi gruppi in suo ricordo.
    la santificazione post mortem è proprio ‘na roba tipica di noi italiani.

  5. @vero hai ragione e quel che fa più vomitare è che su facebook i gruppi celebrativi post mortem adesso va di moda dedicarli anche agli amici scomparsi, quando magari, da vivi, agli stessi amici non lasciavano neanche un “ciao”.

    Che ipocrisie!

    Per quanto riguarda Mike Bongiorno, io sinceramente non lo sopportavo, inutile dire quanto era bravo solo perché ora è morto: cioè, bravo a presentare e intrattenere sì, non ci piove, ma io non dimenticherò mai quando una volta, alla “Ruota della fortuna”, c’era un operatore ecologico e lui lo prese per il culo dicendogli “Lei lavora all’aperto quindi respira aria pulita, vero?” Credeva di far ridere? Boh, io non risi a 8/9 anni e non ne rido nemmeno ora, di questa cosa…

    Purtroppo il nostro popolo ipocrita, quandi un tizio trapassa, ci spinge solo a decantare le lodi: tutto il resto è mancanza di rispetto e parlar male dei morti, puaaahh.

Lascia un commento