Robert Pattinson non sarà l’Uomo Ragno

Spider-Man 4 non si farà. Il regista Sam Raimi e il protagonista Tobey Maguire non avevano più voglia.
La storia è un po’ confusa, non si sa bene come siano andate le cose. Comunque, alla fine, la Sony ha ritirato fuori una vecchia idea nata nel 2007: fare una nuova trilogia.
La Sony e la Marvel hanno deciso di continuare a fare soldi con altri film sull’Uomo Ragno azzerando tutto, con un nuovo protagonista, un nuovo regista e spostando la storia ai tempi del liceo di Peter Parker.

Per quanto riguarda la regia si fanno i nomi di Marc Webb (500 giorni insieme), David Fincher (Fight Club), Neill Blomkamp (District 9) e addirittura James Cameron (Avatar).

Nelle ultime ore, su 480 milioni di siti è apparsa la notizia che il prescelto per il ruolo da protagonista sarebbe Robert Pattinson (Twilight), ma il sito Gossipcop dice di aver parlato direttamente con fonti vicine alla Sony e pare che non abbiano ancora pensato a una cerchia di possibili protagonisti perché prima devono definire il resto, dalla sceneggiatura alla regia.
Il fatto che la Sony non abbia lasciato trapelare un minimo interesse per Robert Pattinson, nonostante l’attore non abbia molti impegni nei prossimi mesi (Bel Ami, Unbound Captives), ci fa supporre che le voci che sono circolate siano davvero infondate.
Strano, di solito sui giornali non scrivono mai cose prive di fondamento.

Le uniche cose certe sono che il nuovo Spider-Man avrà la sceneggiatura di James Vanderbilt (Zodiac), sarà girato in 3D e uscirà nel 2012.

Robert Pattinson non sarà l’Uomo Ragnoultima modifica: 2010-01-15T09:15:00+01:00da myenvy
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Robert Pattinson non sarà l’Uomo Ragno

  1. Non ce lo vedrei un granché come Spider-Man al liceo! Inoltre ha già 23 anni e ne dimostra qualcuno di più, secondo me sarebbe fuori parte…
    Mi pare che Robert Pattinson voglia dare una svolta alla sua carriera di attore, veleggiando verso progetti meno adolescenziali e ridondanti.
    Per fortuna non pare interessato.
    A dire il vero, già prima di Twilight aveva questo tipo di programmi. Basta vedere i film che ha girato precedentemente… Sono tutte produzioni indipendenti e piuttosto alternative. Non ultimo “Little Ashes” il film sulla vita di Salvator Dalì e sull’amore di quest’ultimo per Pablo Neruda.
    L’interpretazione di Rob nei panni di Dalì è stupefacente. Nonostante fosse solo un ragazzino poco più che ventenne, ha dimostrato grandi capacità interpretative. Non sia mai uscito in Italia ed esiste solo nella versione inglese, ma per chi conosce la lingua lo consiglio. E’ da non perdere.
    Se non sbaglio, mi pare sia stato scelto dai membri dell’Academy, per l’assegnazione degli Oscar.

Lascia un commento