Afef in Libano

“Io posso passare dal letto alla cucina. Essere brava a letto è una cosa molto bella”. E poi attacca: “Mille volte meglio il velo delle donne spogliate”. (La Stampa)
Sorvolando sul fatto che una vera signora non dovrebbe andare in giro a vantarsi di essere una brava maialina, ma come si fa a dire una cazzata simile?
Poniamo che ci siano due Paesi: in uno gli esseri umani sono costretti a girare nudi, nell’altro coperti dalla testa ai piedi… costrizione per costrizione forse è meglio la cosa più naturale, siamo nati nudi, mica coperti?
Però poi si capisce tutto alla fine:”Belli come i libanesi non ce n’è. Molto affascinanti, sanno fare, sono molti uomini”.
Forse ad Afef piacciono i maschioni che esercitino potere: o con i soldi, come il marito o con delle costrizioni innaturali sulle donne.
Brava Afef hai proprio trovato l’America in Italia. Chissà se le tue riflessioni sarebbero mai finite sui giornali.

Fuori dalle righe: qualcuno pensa che ci sia differenza tra Afef e Francesca Zenobi? Ora fa la signora, ha trovato il suo libanese… ma prima?.
Mabbaffanculo.

Afef in Libanoultima modifica: 2008-02-11T18:20:00+01:00da myenvy
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento