Kirsten nel tunnel

Nella lotta tra Chuck Norris e Barak Obama, Kirsten Dunst sceglie Barak e ieri ha mostrato il suo supporto per le strade di Soho, New York.
Riassumiamo gli ultimi tempi di Kirsten: dichiara che il mondo sarebbe un posto migliore se tutti fumassero marijuana, alcuni dicono che oltre che fumata sia anche alcolizzata e dopo un po’ se ne va in un centro di riabilitazione (trad: disintossicazione).
Un mese fa dichiara che non c’era entrata per dipendenza da droghe ma perchè soffriva di depressione. Facciamo finta che ci crediamo e/o non ce ne freghi niente di ricordare che alcol e droga causano la depressione.

Da tre mesi è fuori, il che significa che in quella clinica curano la depressione schioccando le dita visto che era entrata all’inizio dell’anno. Ora sta girando All Good Things. Bene, è guarita, lavora, vota Obama ed è tutto ok… quasi.
Da tre mesi va tutte le sere al Beatrice, il locale preferito dalle gemelle-tossiche-Olsen e secondo People avrebbe una storia col deejay Matt Creed (faccia da tossico e in passato accostato alle gemelle Olsen).
Se era solo depressa buon per lei che ora si diverte a ballare tutte le sere al Beatrice… ma se è una drogata questo è un caso per Chuck Norris e la spilletta di Obama non la sta salvando.

Kirsten nel tunnelultima modifica: 2008-06-30T03:00:00+02:00da myenvy
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Kirsten nel tunnel

Lascia un commento